Il punto G è una misteriosa zona erogena del corpo di una donna

Molte donne, così come gli uomini, hanno sentito parlare del famigerato punto G, il “miracolo” nascosto nelle viscere dell’utero femminile. Testimoni oculari dicono che se la trovi, inizia a stimolarla, allora l’incantatore sarà in grado di sperimentare un vivido orgasmo multiplo. Molti hanno sentito parlare del punto G, ma solo pochi lo hanno “affrontato” nella vita reale. 

Puoi scoprire cos’è il punto G, dove e come cercarlo, stimolarlo per ottenere un potente orgasmo, dal nostro articolo. Insieme possiamo classificare il punto magico, lo faremo “funzionare” per il piacere femminile.

Storia del punto G

Il mistico punto G è stato detto al mondo da un medico e psicoterapeuta tedesco Ernst Grafenberg, che ha sviluppato la prima versione del dispositivo intrauterino. Nel 1950, mentre studiava il meccanismo dell’orgasmo femminile, l’influenza dell’uretra sulla gravità del piacere, un ginecologo tedesco scoprì un posto erogeno nella vagina. Per dare piacere a una donna bastava stimolare questa zona con un dito. La zona erogena prende il nome dal medico: il punto G o il punto G. Altri nomi per il punto G possono essere trovati in letteratura: zona G-sport, prostata femminile, spugna uretrale.

Il dottor Grafenberg non è il primo a parlare del punto magico. Menzioni della zona erogena, situata sul dorso del clitoride e capace di regalare all’incantatore orgasmi indimenticabili, si trovano negli antichi trattati sull’amore.

Per molti anni, medici di diversi paesi hanno discusso dell’esistenza del punto G, ma non riescono ancora a raggiungere un consenso. La misteriosa zona erogena è ricoperta da vari miti e leggende. Ogni donna sogna di scoprire un punto magico nel suo grembo che la solleverà all’apice della felicità sessuale.

E mentre gli scienziati cercano prove dell’esistenza del punto G, qualsiasi donna può andare alla ricerca di un luogo magico da sola. È importante ricordare che solo preparandosi adeguatamente per il viaggio, puoi ottenere il risultato desiderato.

Il punto G è una misteriosa zona erogena del corpo di una donna


Punto G da un punto di vista medico

Il punto G è solitamente chiamato sigillo sulla parete interna della vagina dietro l’osso pubico. La zona erogena si trova a una profondità di 5 – 9 cm dall’ingresso della vagina. Ogni donna è individuale. Pertanto, la profondità della posizione del punto varia a seconda delle caratteristiche fisiologiche del corpo, dell’età e del numero di bambini nati. Sembra una scorza di noce immatura. Il punto è molto sensibile, risponde chiaramente alla minima pressione. Trovare un posto magico è possibile solo quando una donna è emozionata. Quando il corpo è preso da un languore voluttuoso, il tessuto si gonfia e il punto G diventa palpabile. In uno stato calmo, la punta ha le dimensioni di un pisello. Quando è eccitato, raggiunge le dimensioni di un grosso bottone.

Un gran numero di processi nervosi è concentrato nell’area erogena. E la famigerata zona è circondata da tessuto erettile, che aggiunge eccitazione sessuale a una donna. La stimolazione della zona aumenta la circolazione sanguigna in quest’area, il che significa sensualità. Ciò consente a una donna di sperimentare contemporaneamente due tipi di orgasmo: clitorideo e vaginale.

Durante il rapporto sessuale tradizionale, il pene non tocca il punto G, il che significa che il pulsante magico non viene stimolato. Per attivarlo, è necessaria un’azione aggiuntiva con le dita della mano o un dispositivo speciale.

Alla ricerca del pulsante magico

Oggi gli uomini preferiscono le donne passionali e sensuali a letto. Nessuna sorpresa. Dopotutto, non vogliono solo del buon sesso per la soddisfazione fisica. Ma anche un’intimità incantevole per il rilascio emotivo. Gli uomini apprezzano molto questi amanti, hanno paura di perderli.

Una donna liberata a letto fa qualcosa di piacevole non solo per il suo partner, ma anche per se stessa. Ha l’opportunità di trascorrere utilmente del tempo dietro le porte chiuse della camera da letto. Dopotutto, tutti sanno da tempo che il sesso di alta qualità migliora l’umore, il benessere, dona vigore ed energia.

Quell’incantatore che sa cosa vuole e si aspetta dall’intimità può provare piacere a letto. Conoscere le tue zone erogene permette di ottenere il massimo dall’intimità. L’uomo non è un sensitivo. Non può sapere dove o quanto sia difficile esercitare pressione per ottenere uno sballo sessuale. L’amante dovrebbe aiutare il partner ad accarezzare correttamente i luoghi erogeni. Pertanto, deve conoscere i suoi luoghi sensuali, parlarne al suo prescelto.

Come trovare zone erogene sul corpo? Non essere timido ed esplora il tuo corpo. Ogni incantatore dovrebbe conoscere non solo le dimensioni dei suoi vestiti, ma anche i suoi desideri. Pertanto, prima di chiedere a un partner di accarezzare il misterioso pulsante G, dovresti capire autonomamente di cosa è capace.

Puoi iniziare a cercare la famigerata zona erogena solo quando il corpo è in uno stato eccitato. Fu allora che il punto si gonfia, è ben palpabile.

Come rilassarsi e sintonizzarsi sull’onda giusta? Abbastanza semplice. Puoi fare un bagno rilassante. Bevi un bicchiere di buon vino con un pezzetto di cioccolato fondente o qualche fragola profumata. Questi prodotti sono forti afrodisiaci, quindi ti aiuteranno a sintonizzarti nel modo giusto. Crepuscolo, lume di candela, musica leggera, atmosfera confortevole ti permetteranno di rilassarti rapidamente.

È importante avere abbastanza tempo per cercare il prezioso luogo erogeno. Non puoi eseguire la procedura in fretta e furia. Immagina di essere stato solo per un po’ nell’universo. Non devi preoccuparti che qualcuno ti trovi e ti impedisca di condurre un eccitante esperimento sessuale.

Dopo aver completato tutte le procedure preparatorie, rendendosi conto che sei pronto per intraprendere un viaggio sessuale attraverso il tuo stesso corpo, è ora di procedere direttamente alla ricerca. Così:

  • Prima di iniziare la ricerca del punto G, è indispensabile andare in bagno. Ciò è dovuto al fatto che la zona erogena si trova in prossimità dell’uretra. L’attivazione del punto può provocare un desiderio a breve termine di andare in bagno.
  • Per cercare un posto prezioso all’interno della vagina, è necessario sdraiarsi sulla schiena.
  • È più conveniente eseguire tutte le manipolazioni con il dito medio e non con l’indice, come quando si stimola il clitoride. Puoi inserire una o due dita.
  • Per l’indolore e il comfort di penetrare le dita nell’utero, puoi usare un lubrificante. Proteggerà la vagina da irritazioni e graffi.
  • Inserendo il dito all’interno a una profondità di 3 – 9 cm, prova a sentire un’area sporgente ricoperta di pelle ruvida, simile a una spugna nella consistenza. Quando trovi la protuberanza desiderata, premi delicatamente su di essa. Puoi spremere e aprire l’area della zona erogena con la punta delle dita o accarezzarla delicatamente. Segui i tuoi sentimenti. Cambia la forza e l’intensità della pressione e dei colpi, in base ai sentimenti e alle preferenze personali.
Il punto G è una misteriosa zona erogena del corpo di una donna


La ricerca di un luogo ambito non sempre dà i risultati sperati. Ciò è dovuto al fatto che in alcune femmine la zona G è poco sviluppata. Pertanto, non reagisce affatto al flirt. Non disperate. Deve essere chiaro che non è sufficiente accarezzare più volte il punto G per farlo “funzionare”. Solo una stimolazione regolare svilupperà la sensualità di un luogo intimo. E poi i giochi sessuali con la zona amata porteranno a un potente orgasmo.

Puoi cercare un punto misterioso non solo all’interno, ma anche all’esterno. Come farlo? Abbastanza semplice. Sdraiato sulla schiena, fai scorrere la mano lungo il basso addome, scendendo lentamente fino al pube. Nell’area pubica, eseguire alcune pressioni non forti. Come risultato di tali azioni, dovresti provare una leggera sensazione di formicolio. Sono queste sensazioni che indicano che hai trovato il posto che stavi cercando. Mentre esegui queste manipolazioni, tieni il dito dell’altra mano all’interno della vagina.

Succede che la stimolazione regolare della zona G non porti al risultato desiderato. Il punto G è “silenzioso” e non vuole rispondere alle carezze. Cosa fare? Abbandonare l’idea di suscitare un luogo misterioso? In questa situazione, se c’è un desiderio, la chirurgia plastica può aiutare. È fatto in circa 15-20 minuti. Usa l’anestesia locale.

Il significato di questa procedura è semplice: uno speciale gel biologicamente attivo viene iniettato nello spazio tra l’uretra e la parete della vagina. L’operazione aiuta a ridurre le dimensioni della vagina, rivitalizzare la zona G. L’attivazione si verifica perché il punto prezioso si avvicina all’ingresso della vagina. Inoltre, acquisisce una forma più convessa. Di conseguenza, ogni tocco della zona risponde con un’onda luminosa e sensuale nel corpo.

Il biogel utilizzato durante l’operazione contiene acido ialuronico. Fa parte dei tessuti connettivi del corpo umano. Pertanto, questa procedura è assolutamente sicura per la salute. Nel tempo, dopo circa sei mesi, il gel si dissolve. E il pulsante del piacere magico continua a fare il suo “lavoro” a dovere.

Se non ritieni necessario eseguire un’operazione e il punto G non risponde al tuo “flirtare”, questo non è un motivo per essere arrabbiato. Sul corpo femminile ci sono un gran numero di diversi luoghi sensuali. Puoi cercarli da solo o con il tuo amante. Tali giochi sessuali daranno a entrambi gli amanti molti momenti piacevoli. Un uomo si sentirà come un vero pioniere che è stato in grado di aumentare il grado di esperienze sessuali della sua amata.

Come cercare il punto G con le mani di una persona cara?

Cercare con le dita un partner di un misterioso pulsante che porta un’ondata di piacere sessuale all’incantatore può trasformarsi in un interessante preludio. Nel mondo dinamico di oggi, le persone sono abituate a fare tutto velocemente per portare a termine le cose più importanti durante la giornata. Questo vale anche per la vita sessuale, che spesso è un semplice rapporto meccanico. L’intimità, priva di preliminari, giochi sessuali, carezze intime diventa incolore, insapore, stucchevole.

Naturalmente, un uomo che è pronto per andare alla ricerca del punto G dovrebbe sforzarsi. Ma credetemi, farà volentieri questo “lavoro”. Quindi, una donna ha bisogno di sdraiarsi comodamente sulla schiena. E affinché un partner stimoli una zona nascosta da occhi indiscreti, devi selezionare due dita. Inserendoli nella vagina, devi sentire un punto sporgente sulla parete superiore della vagina. Dopo aver eseguito movimenti di traslazione, toccando ogni volta il luogo amato. Per migliorare l’effetto delle carezze, una donna può accarezzare il basso addome.


Quando si stimola la zona G, un uomo non dovrebbe dimenticare un altro punto tenero del suo partner: il clitoride. Ha bisogno di ricevere la dovuta attenzione. Puoi accarezzarlo con l’altra mano o con le dita libere. Prova ad accarezzare l’ano. Tocchi delicati in questo luogo intimo possono anche causare un’ondata di piacevoli sensazioni. L’atteggiamento attento ai luoghi piccanti delle donne si trasformerà in un’ondata di acuto piacere sessuale per la signora del cuore.

Impegnarsi in una ricerca congiunta di una zona magica vale partner che si fidano pienamente l’uno dell’altro. Dopotutto, questi giochi richiedono attenzione e comprensione da parte dell’amato. Non scoraggiarti se non hai trovato il posto giusto. La cosa principale non è il risultato, ma il piacere con cui è stata condotta la ricerca. Dopotutto, puoi ottenere più orgasmi senza stimolare il punto G.

Se il tuo amante non è pronto a “strappare” a letto alla ricerca di una zona misteriosa, non importa. È più conveniente stimolare la zona G con l’aiuto di vibratori speciali. Se scegli un massaggiatore dotato di funzionalità aggiuntive interessanti, puoi vivere molti momenti indimenticabili. Puoi usare il vibratore da solo o con un partner. Nel sesso tradizionale, un vibratore aiuterà a diversificare i preliminari sessuali, rendendoli luminosi e imprevedibili.

Come stimolare la zona G con un vibratore?

La vibrazione è il modo più semplice ed efficace per “rianimare” il punto G dormiente. Tutto ciò che devi fare per sentire un potente orgasmo dalla stimolazione del punto G è acquistare un massaggiatore vibrante.

I vibratori G-zone sono dispositivi con testa curva dotati di motore. Il dispositivo ha un tale design per un motivo. Inserendo il dispositivo nell’utero, puoi essere sicuro che la testa poggi nel posto giusto. E la vibrazione farà le necessarie manipolazioni.

Regole per l’utilizzo di un vibratore:

  • Prima di immergere il dispositivo sessuale nell’utero, devi rilassarti.
  • È meglio lubrificare il giocattolo prima dell’uso. Ciò eviterà lesioni alla mucosa.
  • Il dispositivo non deve essere completamente inserito. Il vibratore non deve raggiungere la cervice.
  • Per migliorare l’effetto, puoi accarezzare il clitoride. È conveniente farlo con un giocattolo dotato di un processo aggiuntivo per stimolare un luogo tenero.
  • Eseguendo la stimolazione della zona erogena, devi stare molto attento. Devi monitorare attentamente i tuoi sentimenti. Puoi stimolare il punto con movimenti di carezza o pressione.

Quando si sceglie un vibratore per la zona G, tenere presente che sono disponibili in diversi principi di utilizzo:

  • Vibratore punto G – ha una testa inclinata in avanti. Sempre dotato di modalità di velocità multiple. Il motore si trova nella testa. Ciò ti consente di influenzare in modo più efficace la zona erogena.
  • Vibratore per coppie : il dispositivo è adatto per la stimolazione simultanea della zona G, il clitoride. Tali dispositivi sono usati nel sesso tradizionale per migliorare le sensazioni sessuali. Il braccio più piccolo del dispositivo viene inserito nell’utero della donna insieme al pene dell’uomo. Il giocattolo non interferisce con il partner per fare il suo “lavoro”. Questo vibratore ha un design morbido, adatto alla masturbazione.
  • Il massaggiatore coniglio è un vibratore che ha un processo aggiuntivo per stimolare il clitoride o la vagina. Un tale dispositivo, se usato correttamente, garantisce orgasmi multipli.

Quando si sceglie un assistente per raggiungere potenti orgasmi, prestare attenzione ai parametri tecnici del dispositivo. Va bene se il dispositivo è impermeabile. Quindi puoi condurre esperimenti sessuali in piscina, bagno, doccia. Anche con la pulizia del giocattolo non ci saranno difficoltà.

Puoi controllare le capacità del vibratore usando i pulsanti integrati o il telecomando. Il controllo remoto ti consentirà di affidare il processo di controllo delle capacità del gadget a un partner. E la maggior parte si tuffa nel vortice del piacere.

Il vibratore può funzionare dalle batterie, dall’accumulatore, da una rete. Ricorda che un dispositivo con un cavo ha un movimento limitato nello spazio.

Il punto G è una misteriosa zona erogena del corpo di una donna


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.